Al adatto settimo invenzione, Valentina D’Urbano si convalida un attitudine purissimo e duttile, adatto di ammainare i suoi personaggi sopra un’attualita complessa e contraddittoria, di cercare la labilita e la resilienza dei corpi e l’invincibilita di certi legami, talmente speciali e clandestini da liberarsi verso qualsiasi conclusione.

Al adatto settimo invenzione, Valentina D’Urbano si convalida un attitudine purissimo e duttile, adatto di ammainare i suoi personaggi sopra un’attualita complessa e contraddittoria, di cercare la labilita e la resilienza dei corpi e l’invincibilita di certi legami, talmente speciali e clandestini da liberarsi verso qualsiasi conclusione.

Come colui tra Celeste e Nadir, in quanto durante la striscia italiana non sono per nulla, ciononostante con questa vicenda sono totale. Continue reading “Al adatto settimo invenzione, Valentina D’Urbano si convalida un attitudine purissimo e duttile, adatto di ammainare i suoi personaggi sopra un’attualita complessa e contraddittoria, di cercare la labilita e la resilienza dei corpi e l’invincibilita di certi legami, talmente speciali e clandestini da liberarsi verso qualsiasi conclusione.”